Tecnologia applicata al calcio, non solo VAR

La Var è in piena sperimentazione anche ai mondiali di Russia 2018, alle fasi finali e con tutti i match disponibili su newcalcio, e non mancano certo le polemiche legate a questa nuova versione di intendere il calcio. Dopo le lunghe sperimentazioni in Italia e in Germania, con i campionati di Serie A e la Bundesliga tra i primi a sperimentare questa tecnologia, adesso per la video assistant referee è arrivata la maturità: per le decisioni e i dubbi del mondiale. Un debutto niente male per la versione russa che fa certamente sperare in meglio per gli anni futuri, quando sarà affinata e resa impeccabile. Ma se il Var è sulla bocca di tutti nell’ultimo anno non rappresenta certamente l’unica tecnologia a disposizione del calcio giocato, non solo per giudicare. Vediamo insieme le altre, anche con un po’ di orgoglio italiano.

Le altre tecnologie per migliorare il calcio

Se partiamo guardando il campo, o meglio se lo sorvoliamo, non si può non parlare di Wesii. Wesii è una startup di Chiavari che ha inventato un drone in grado di rilevare e misurare alcune caratteristiche del rettangolo di gioco come la biomassa e il grado di umidità del terreno. La tecnologia di Wesii, già sperimentata lo scorso maggio (in occasione del derby tra Genoa e Sampdoria) e dotata di sensori multispettrali e algoritmi di elaborazione, permette il monitoraggio dei campi da calcio e di golf. Non solo. La sua applicazione si estende in ambiti anche molto distanti da quello sportivo. Si pensi all’agricolo, con l’ottimizzazione di prodotti fitosanitari, a quello industriale con il rilevamento di anomalie nei pannelli fotovoltaici oppure alla quantificazione delle fuoriuscite di biogas nel settore ambientale. Tanta tecnologia si trova anche nell’abbigliamento dei calciatori. Ne sono un esempio WheARE, i parastinchi con microchip ideati dalla startup laziale SpaceEXE. Questi microchip raccolgono molti dati relativi alle prestazioni degli atleti: potenza metabolica, zone del campo maggiormente coperte, direzione di attacco e di difesa dei reparti ma anche velocità e accelerazione dei calciatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *