Come ridimensionare le partizioni Linux su Ubuntu

Ridimensionare le partizioni Linux su Ubuntu è un’operazione molto semplice

Ridimensionare le partizioni Linux su Ubuntu è un’operazione molto importante perché nel corso del tempo si potrebbe avere la necessità di aumentare o diminuite la dimensione di una o tutte le partizioni del proprio computer perché per motivi di spazio è opportuno andare a creare una partizione aggiuntiva magari andando a rendere quella del sistema operativo più piccolo anche perché una delle caratteristiche di Linux è quella di avere del software molto compatto senza particolare fronzoli che va ad offrire la possibilità di avere una partizione di sistema relativamente moderata.

Uno strumento molto amato da tutti coloro che adoperano un computer, a prescindere dal sistema operativo che vi gira dentro, è l’applicazione Gparted utile per maneggiare le partizioni da adoperare sia in modalità Live tramite dvd o pennetta usb oppure direttamente dalla nostra copia di Ubuntu. Questo software non solo è molto utile per ridimensionare le partizioni ma è anche dotato di un’interfaccia grafica che rende il suo uso molto intuitivo quindi facile da adoperare. E’ bene fare un passo indietro ricordando a tutti che Ubuntu è dotato di un’interfaccia grafica che ha come obiettivo principale quello di rendere Linux alla portata di tutti riducendo il più possibile, grazie ad altre caratteristiche che non andremo a spiegare in questa occasione, l’uso del terminale e dell’uso della riga di comando che potrebbe essere abbastanza fastidiosa per utenti poco esperti o per coloro che hanno bisogno di un software già pronto per l’uso. Gparted fa parte di questa categoria perché è possibile, una volta fatto partire, avere a disposizione tutti i comandi che servono, compresi quelli destinati per gli utenti più esperti che in questo articolo non prenderemo in considerazione, modificare le dimensioni della partizione presente sul disco rigido. Questa operazione è resa ancora più semplice dal fatto che una volta scelta la partizione da modificare sarà possibile farlo manualmente tramite gli elementi visuali presenti all’interno dell’applicazione quindi poi cliccare sulla “V” verde per fare partire questa operazione in modo corretto.

Ridimensionare le partizioni Linux su Ubuntu è un’ottima operazione che può offrire una serie di interessanti caratteristiche per tutti coloro che necessitano di spazio aggiuntivo sulla propria macchina sbloccando allocazioni che magari erano scarsamente impegnate. Riuscire a portare avanti un’operazione del genere potrebbe migliorare non poco l’uso del computer anche se dopo potrebbe essere necessario il cambiamento della destinazione dell’installazione dei programmi e dei download.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *